Elfi di Babbo Natale

Gli elfi di Babbo Natale sono spesso vestiti di verde o marrone o rosso e verde, con le orecchie a punta, le caratteristiche orecchie da elfo, nasi lunghi e lunghi cappelli a cono, appunto i cappelli da elfo.

Elfi di Babbo Natale

Sono spiriti simili agli umani, alti e magri ma forti e velocissimi, essendo anche simboli delle forze dell’aria, del fuoco, della terra e dei fenomeni atmosferici in generale.

Secondo la tradizione vivono in Lapponia, dove oltre a preparare i doni, si prendono cura delle renne, leggono e smistano le letterine dei bimbi e aiutano Babbo Natale a caricare la slitta.

La loro origine trae spunto dalle storie pagane del Nord Europa; discendenti dagli gnomi di casa scandinavi (gnomi buoni e servizievoli che difendevano le case dagli spiriti malvagi), sono stati introdotti nel mondo natalizio di Babbo Natale nel XIX secolo, negli Stati Uniti.

In breve tempo poi la tradizione statunitense si è diffusa in tutto il mondo.

I moderni gnomi natalizi apparvero per la prima volta nel 1856, quando Louisa May Alcott (autrice di “Piccole donne”) completò, ma non pubblicò il suo libro intitolato “I folletti di Natale”.

Secondo alcune tradizioni di origine germanica, ad esempio, gli elfi iniziarono ad aiutare Santa Claus dopo che quest’ultimo riuscì a sconfiggere un potente demone e a privarlo della sua forza.

Da quel momento in poi, gli elfi si piegarono alla bontà del Santo e divennero i suoi più fedeli amici

Una storia proveniente dagli States, narra di elfi che, dal giorno del Ringraziamento fino alla vigilia di Natale, si nascondono nelle case dei bambini allo scopo di riferire poi a Babbo Natale tutte le azioni buone o cattive che essi compiono.



Alcuni sostengono che gli aiutanti di Babbo Natale siano 13, altri pensano siano 9, mentre secondo la credenza più diffusa si ritiene che i folletti natalizi siano 6.

Ecco i nomi popolari degli elfi di Natale, diffusi perlopiù in America, ed i compiti che ciascuno svolge:

1. Alabaster Snowball – L’amministratore della lista dei bambini buoni e cattivi.
2. Bushy Evergreen – Inventore della macchina magica che costruisce i giocattoli.
3. Pepper Minstix – Guardiano del luogo segreto in cui si trova il villaggio di Babbo Natale.
4. Shinny Upatree – Il più antico amico di Babbo Natale e il co-fondatore del villaggio segreto in Lapponia.
5. Sugarplum Maria – Conosciuta come Maria Natale è un’assistente della signora Natale e la aiuta in cucina.
6. Wunorse Openslae – Progettista della slitta di Babbo Natale e responsabile della manutenzione.

In Islanda i 13 elfi si chiamano: Stekkjastaur, Giljagaur, Stúfur, Þvörusleikir, Pottaskefill, Askasleikir, Hurðaskellir, Skyrjarmur, Bjúgnakrækir, Gluggagægir, Gáttaþefur, Ketkrókur e Kertasníkir.

I nomi degli gnomi natalizi sono stati tradotti anche in lingua anglosassone: Gimpy, Gully Imp, Itty Bitty, Pot-Scraper Licker, Pot Licker, Bowl Licker, Door Slammer, Skyr Gobbler, Sausage Snatcher, Window Peeper, Doorway Sniffer, Meat Hooker, Candle Beggar.

Si pensa che dopo le feste, gli elfi accendono le torce e scendono dal loro villaggio segreto in montagna per giocare in un campo e celebrare il completamento con successo del loro lavoro  Natalizio.